Elettrodomestici da incasso
e da libera Installazione.

Contatti

Cappa cucina: guida per sceglierla al meglio

La cappa da cucina è un elettrodomestico che si caratterizza sempre più spesso come elemento di Design e arredamento, oltre che fondamentale per la qualità dell’aria in casa.

La sua enorme utilità non si ferma, quindi, alla pura caratteristica estetica e proprio per questo motivo vanno considerati attentamente alcuni aspetti tecnici.

Quindi come fare a scegliere? Vediamolo insieme

Elementi essenziali per scegliere la cappa

Nella scelta di una cappa da cucina, come abbiamo visto, non basta fare riferimento esclusivamente ai gusti personali ma bisogna valutare una serie di fattori:

  1. Il tipo, che può variare in base ai gusti e ai vincoli d’installazione

  2. Le dimensioni, che variano in base alle dimensioni del piano cottura e al tipo di cappa

  3. La modalità di aspirazione, che può essere collegata o meno all’esterno da un condotto di evacuazione.

  4. La portata dell’aria, che deve adattarsi al volume della cucina.

Tipi di cappa cucina

Il tipo di cappa può essere distinto in diverse categorie: esistono cappe da incasso (a scomparsa o meno) da collocare all’interno di un mobile predisposto, per rispettare lo stile dell’ambiente.

Esistono, poi, cappe a cassetto o telescopiche che possono essere integrate sotto un mobile.

La cappa sottopensile o con vetro estraibile, invece, è un elemento indipendente che può essere installato facilmente e donare modernità e semplicità alla cucina.

Le cappe a parete o a isola, infine, sono apparecchi indipendenti che vengono installati senza dipendere dalle dimensioni del mobile che deve contenerle, diversamente dall’incasso.

Queste cappe sono perfette per gli amanti dello stile moderno e innovativo perché sono anche degli elementi decorativi.

Dimensioni

Per quanto riguarda le dimensioni delle cappe da incasso e a cassetto, devono necessariamente adattarsi al mobile della cucina all’interno del quale vanno collocate.

Per le cappe decorative, invece, manca il vincolo dato dalle dimensioni del mobile e si è quindi un po’ più liberi nella scelta.

In entrambi i casi, vale il principio secondo cui la cappa deve obbligatoriamente essere di dimensioni maggiori, o almeno uguali, al piano cottura.

Le dimensioni, comunque, sono generalmente comprese tra i 60 e i 90 cm.

Modalità di aspirazione di una cappa cucina

Le cappe offrono due modalità di aspirazione:

  • Sistema a evacuazione (necessita di un condotto d’evacuazione, dalle prestazioni migliori): portata dell’aria = volume della cucina x 10

  • Sistema a ricircolo (funzionamento a circuito chiuso, meno performante): portata dell’aria = volume della cucina x 20

La cappa deve essere obbligatoriamente installata quando è presente un piano cottura a gas. Questo perché è fondamentale espellere fumo e residui di combustione mediante un’apposita canna fumaria.

Nel caso in cui non sia possibile realizzare il condotto di evacuazione, si può optare per una cappa filtrante, o a ricircolo, abbinata a un elettroventilatore.

Questi apparecchi non espellono all’esterno l’aria aspirata, ma la purificano tramite dei filtri appositi e la immettono nuovamente nell’ambiente.

Tutte le cappe sono aspiranti, ma possono essere riconvertite per svolgere anche la funzione filtrante.

Come installarla?

Per installare la cappa da cucina è necessario un sopralluogo preliminare da parte di un tecnico che deve controllare la posizione e le dimensioni del foro per l’aria e della presa per il collegamento alla linea elettrica.

Sarà lo stesso tecnico a procedere con l’installazione e a rilasciare, a lavoro terminato, la Dichiarazione di Conformità alla normativa vigente.

 

Inoltre, bisogna conoscere il volume della cucina, per scegliere la potenza più adatta. La cappa aspirante va collegata a una canna fumaria apposita e non a quella usata per altri apparecchi a gas, come stufe o caldaie.

La cappa va centrata sopra il piano di cottura, a un’altezza minima di 65 cm, se i bruciatori sono a gas, di 75 cm, se invece è a funzionamento elettrico. La distanza non deve, però, essere superiore ai 90 cm.

Infine, è bene tenere a mente l’importanza dei filtri. Sia nei modelli aspiranti sia in quelli a ricircolo sono presenti filtri antigrasso che trattengono grassi e vapori di cottura, impedendo che danneggino la cappa.

La cappa ha in genere una spia che indica quando il filtro necessita di essere pulito, seguendo le istruzioni

Nelle cappe filtranti, poi, è presente anche un filtro anti-odore ai carboni attivi, che va sostituito ogni quattro mesi circa.

Sicurezza e normativa

Come ben sappiamo, la cappa è un apparecchio elettrico e va quindi adoperata con le necessarie cautele, per evitare pericoli. Ecco le best practice:

  • Prima di pulirla o di effettuare qualsiasi tipo di intervento staccare la spina. Se il collegamento elettrico non è a vista, si può prevedere un interruttore intermedio da spegnere quando non si utilizza l’apparecchio.

  • Non lasciare la cappa in funzione quando i fornelli sono accesi e sopra non vi sono pentole perché la fiamma tenderebbe a salire verso l’alto.

  • Mentre cucini tieni accese le luci della cappa, in modo da illuminare bene il piano di cottura e fare maggiore attenzione alle fiamme.

Inoltre, è fondamentale sapere che, se in cucina è installato un piano di cottura a gas, oltre alla cappa aspirante deve esserci anche un foro di ventilazione.

L’obiettivo è quello di assicurare il ricambio dell’aria consumata durante la combustione.

Il foro deve essere ricavato su un muro perimetrale e protetto sia all’interno che all’esterno da una griglia.

Sarà l’installatore a stabilire la grandezza sufficiente di questo foro, sommando i kW/h degli apparecchi a gas presenti nell’ambiente (comprese caldaia e stufa).

Bisogna calcolare 6 cmq per ogni kW installato ma il foro non deve comunque essere mai inferiore a 100 cmq.

In conclusione, nella scelta di una cappa, è importante tenere conto di diversi aspetti in modo da combinare le caratteristiche estetiche più innovative alle migliori qualità tecniche.

In particolare, è fondamentale affidarsi a degli esperti in grado di consigliarti al meglio e di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.